Calendars

I Want to Be

Photo e ideazione: Cristiano Zingale
Grafica: Fabio Lo Cascio

...a fireman

E se si rendessero protagonisti di un nuovo calendario proprio i bambini stessi dell’orfanotrofio oggetto di beneficenza del calendario “Inside Other Dress”? Proprio così è nato il progetto “I Want To Be”.
Per un pomeriggio 12 bambini, dai 4 agli 11 anni, hanno indossato gli abiti, realizzati su misura, delle varie figure professionali presenti a Port Harcourt (dal saldatore, al pompiere, dal cuoco al manager ecc…), giocando e posando come dei modelli insieme agli adulti e “toccando con mano” un mestiere che potrebbero fare da grandi, grazie alla presenza delle aziende Oil&Gas sul territorio.
Anche se per poche ore, hanno potuto vivere un’occasione, che ricorderanno di sicuro per molto tempo e che li aiuterà a sperare in quel futuro migliore, che per varie circostanze della vita gli è stato negato.
E loro stessi sono riusciti inconsapevolmente, a dare un tocco di colore e ravvivare un pomeriggio di ordinario lavoro all’interno della base, dove di sicuro la loro presenza non è passata di certo inosservata.
Le offerte sono state interamente devolute a favore della Global Foundation For Orphaned Children di Port Harcourt, perché in fondo… tutti hanno il diritto a sognar di diventare!

________________________________________________________________________________

Inside Other Dress

Photo: Ettore Lattuada & Cristiano Zingale
Grafica:Fabio Lo Cascio
Ideazione: Cristiano Zingale

February - Nurudeen&Massimo

Prima di giudicare una persona cammina per tre lune nei suoi mocassini

Proprio da questo proverbio popolare è nata l’idea di “Inside Other Dress” (volontariamente italianizzato): un calendario benefico realizzato a Port Harcourt (Nigeria) in cui tutti, oltre a mettersi in gioco, si sono messi letteralmente nei panni degli altri per una buona causa.

Quando ci si ritrova a lavorare in un ambiente multiculturale, per giunta all’estero, è facile cadere nei pregiudizi e negli stereotipi di ogni sorta e in fondo è proprio vero che un primo passo per poter abbattere le distanze, è poter capire chi ci sta accanto, è “il mettersi nei panni altrui”, indossando i vestiti caratteristici del collega, indossando ciò che fa parte del look, della cultura e della personalità di ogni singolo individuo.

“Inside Other Dress” nasce per poter aiutare chi non ha avuto la nostra stessa fortuna, posando per un calendario e prestando la propria ironia e il proprio fisico, anche se non perfetto, senza nessun trucco e soprattutto in modo naturale e spontaneo.

“Inside Other Dress” nasce come se fosse un gioco educativo e diventa un esperimento di empatia e conoscenza per tutte le persone che hanno partecipato, al di fuori da uno schema prettamente lavorativo: voler essere la coppia più originale, aiutare l’altro ad indossare un capo di abbigliamento lontano dalla propria cultura, dare al collega ciò che si ha di personale e privato dimenticando qualsiasi forma di possesso.

Si ringrazia per la realizzazione tutti coloro che hanno prestato la loro immagine e coloro che pur non avendo posato hanno apprezzato e sostenuto l’iniziativa anche con un semplice sorriso o un appoggio morale.

Grazie soprattutto a SSAGS, lo  SMAUT di Milano, a Mauro per le traduzioni, Max, Giuseppe, Joy e a tutti i colleghi di Port Harcourt  e a  tutti coloro che piacevolmente sorpresi hanno dato il loro contributo al:

GLOBAL FOUNDATION FOR ORPHANED CHILDREN

#4 EDMAC AVENUE, NKPOLU EAST-WEST ROAD,

PORT HARCOURT, RIVERS STATE (Nigeria)